home
Organo Ufficiale della Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia Interpersonale Investigativa Criminale e Forense.


 

Archivio > Anno XIII n.2 > Editoriale

Come di consuetudine la Rivista Psicologia & Giustizia vi informa sulle attività che sono state promosse dalla Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia Forense e della Comunicazione nel corso della prima parte del 2012 e sulle sue proposte formative future.

In collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Milano la Fondazione Gulotta sta organizzando un importante corso di formazione (del quale sono già aperte le iscrizioni) dal titolo Le regole della cross examination: un’arte scientifica. Il corso si terrà a Milano e sarà organizzato in tre moduli (venerdì pomeriggio e sabato tutto il giorno) nel mese di ottobre, novembre e dicembre. Se da un lato le competenze necessarie per una corretta ed efficace pratica nell’arena processuale prevedono senso critico, flessibilità e creatività dall’altro è indispensabile che si tenga conto delle indicazioni provenienti dalla letteratura scientifica non solo in riferimento alla scienza del diritto ma anche alle scienze psicosociali che studiano il comportamento umano. Le lezioni, quindi, si propongono di offrire strumenti conoscitivi per meglio affrontare l’esame e il controesame anche alla luce delle conoscenze provenienti dalla psicologia della comunicazione, della testimonianza, della sincerità e della menzogna. Verranno presentati e approfonditi - anche attraverso esercitazioni, roleplaying, visione di materiale processuale, etc. - i differenti aspetti dell’esame incrociato. Non si tratta soltanto del "saper fare", cioè dell'apprendimento di tecniche e abilità ma anche di acquisire la consapevolezza del "perché si fa", secondo regole determinate e un metodo imperniato sull’agire professionale. Le lezioni saranno tenute - oltre che dal prof. Gulotta - da alcuni tra i maggiori esperti di cross examination del nostro Paese, tra cui il prof. Giuseppe Frigo, la prof.ssa Luisella De Cataldo e l’avv. Domenico Carponi Schittar. Parteciperanno tra gli altri anche il prof. Giuseppe Sartori, la prof.ssa Georgia Zara e la prof.ssa Luisa Puddu per quanto riguarda l’aspetto peritale, psicologico e criminologico. Il corso è rivolto ad avvocati, magistrati e laureati in giurisprudenza. Coloro che invieranno la richiesta entro il 27 luglio avranno diritto ad uno sconto del 10%. Per maggiori dettagli è possibile consultare il sito della Fondazione (www.fondazionegulotta.org) nella sezione News o Corso, oppure telefonando al numero 02.89072105.

La Fondazione sta inoltre organizzando in collaborazione con l’Associazione DI.ME.CE. (Diritto Mente e Cervello) la seconda edizione del Convegno Le neuroscienze forensi, che si svolgerà il 12 ottobre 2012 nell’aula magna dell’Università degli Studi di Torino. Per maggiori informazioni www.dimece.it

Infine la Rivista è lieta di informarvi di un altro importante evento formativo organizzato dalla Scuola di Alta Formazione in Psicologia Interpersonale, Investigativa, Criminale e Forense, promossa dalla Fondazione, per l’anno 2013: il Corso di alta formazione in psicologia forense, criminale e investigativa. Le lezioni si terranno a Milano da gennaio a giugno e saranno suddivise in otto moduli formativi (sabato e domenica) a cadenza mensile. Il corso ha lo scopo di far acquisire e potenziare le competenze necessarie per una buona pratica forense a coloro che operano nei contesti pubblici (servizi sociali territoriali, Istituti di Pena, Tribunali penali e minorili) o privati (studi legali, strutture del privato sociale) e che interagiscono con il mondo forense. Maggiori dettagli saranno disponibili a breve sul sito della Fondazione (www.fondazionegulotta.org).

Per il primo semestre del 2012 sono state assegnate due borse di studio:
a) alla dott.ssa Irene Rossetti, laureata in psicologia, per lo studio dell’evoluzione del senso di giustizia dall’infanzia all’età adulta, con revisioni e integrazioni sulla letteratura italiana e internazionale più recente;
b) alla dott.ssa Chiara Cemmi, laureata in psicologia, per la preparazione e organizzazione di un corso di alta formazione in psicologia forense.

Si ricorda che la Fondazione - con l’Ordine degli Avvocati di Milano, l’AIAF Lombardia, il patrocinio del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, del Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia e della Camera Minorile di Milano - ha organizzato un importante convegno dal titolo Verso un protocollo per l'affido dei figli. Contributi psico-forensi – tenutosi a Milano il 16 e 17 Marzo 2012- in seguito al quale si è proceduto, alla stesura delle Linee guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli a seguito di separazione dei genitori: contributi psico-forensi, grazie all’apporto interdisciplinare di psicologi, psichiatri, neuropsichiatri infantili, avvocati, e magistrati,

Infine, in occasione dell’attuale e vivace dibattito per la proposta di inserimento della Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) nelle prossime edizioni del DSM e dell’ICD, la Fondazione Guglielmo Gulotta e l’Unità Psicoforense (UPf), con la collaborazione del Collegio dei Periti Esperti e dei Consulenti della Regione Puglia, hanno promosso un importante incontro dal titolo La sindrome da alienazione parentale: attualità e controversie, al fine di far conoscere le caratteristiche dell’Alienazione Parentale, sia come sindrome che come fenomeno. Tra i relatori che hanno partecipato all’evento spicca il professor William Bernet, dalla Vanderbilt University School of Medicine, autorità internazionale in materia e principale promotore della proposta di introduzione dell’Alienazione Parentale nel DSM V e nell’ICD 11.


                                                                         Avv. Prof. Guglielmo Gulotta
 


studio legale associato gulotta varischi pino
fondazione gulotta
Avv. Prof. Guglielmo Gulotta