home
Organo Ufficiale della Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia Interpersonale Investigativa Criminale e Forense.


 

Archivio > Anno XXI n.1 > Editoriale

Carissimi lettori,

abbiamo lasciato il 2019 con una serie di importanti eventi:

-       Il Corso Strategie e tattiche dell’oratoria forense e della persuasione, rivolto ad avvocati, magistrati, praticanti, psicologi, tirocinanti, laureati e laureandi in giurisprudenza e psicologia. Esso ha avuto l’obiettivo di migliorare e consolidare la capacità di valutare in modo critico l’efficacia comunicativa in relazione al contesto forense attraverso laboratori assistiti da tutor, simulazioni ed esercitazioni a partire da una casistica reale; creare le “precondizioni” per modellare l’impianto difensivo o accusatorio, tenuto conto degli avanzamenti della psicolinguistica e della psicologia della persuasione. Durante le lezioni, infatti, si sono illustrati i fattori e i metodi connessi alla comunicazione persuasiva mediante l’audiovisione di brani di arringhe di processi reali sottoposti a un’attenta analisi psico-retorica, che ha permesso di sviscerare il testo per comprendere la finalità tattico-strategica di ciascun atto linguistico.

-       Il convegno Gli errori giudiziari e la loro riduzione. Le linee guida Psicoforensi, che la Fondazione Gulotta ha organizzato in collaborazione con Il Consiglio Nazionale Forense e La Scuola Superiore di Avvocatura. In tale occasione è stato affrontato da un punto di vista scientifico la natura degli errori giudiziari, l'identificazione degli inciampi cognitivi che li producono e quali sono le possibili soluzioni volte a ridurli. Attraverso continui riferimenti alle Linee Guida Psicoforensi, i relatori hanno affrontato le principali problematiche che possono condurre in errore Giudici, avvocati e periti, vagliando quelli che sono i principali inganni cognitivi sia da un punto di vista giuridico e legislativo, sia da un punto di vista psicologico. 

- Dopo Bari (25-27 settembre 2008, Università Aldo Moro, proponente prof.ssa Antonietta Curci), Urbino (14-16 ottobre 2010, Università Carlo Bo, proponente prof.ssa Daniela Pajardi), Milano (17-19 novembre 2017, Fondazione Gulotta, proponente prof. Guglielmo Gulotta) a novembre scorso si è tenuto il  IV Convegno Nazionale di Psicologia Giuridica. Verso una giustizia delle relazioni. Ambiti tradizionali e nuove frontiere della psicologia giuridica, promosso dalla prof.ssa Patrizia Patrizi, dell’Università di Sassari, e da PsicoIus – Scuola Romana di Psicologia giuridica, l’Associazione fondata da un gruppo di allieve e allievi del prof. Gaetano De Leo (1940-2006), Ordinario della materia prima presso l’Università Sapienza di Roma successivamente all’Università di Bergamo, per onorarne la memoria e proseguirne gli insegnamenti. Il convegno, grazie ai numerosi ed importanti contributi, tra cui quelli del prof. Gulotta e dei collaboratori della Fondazione, ha affrontato tematiche attuali che hanno evidenziato lo stato dell’arte e delle prospettive scientifiche e professionali della materia, in un’ottica di promozione del benessere individuale e di comunità.

 

Ma ora è tempo di guardare al 2020 e alla proposta formativa proposta dalla Fondazione Gulotta, caratterizzata da un evento imperdibile, che durerà tutto l’anno, il Corso di Alta Formazione in psicologia giuridica, criminale e investigativa per giuristi e psicologi – Milano. Esso è rivolto a professionisti e studiosi nelle materie giuridiche e bio-psico-sociali ed ha l’obiettivo di acquisire e potenziare le competenze necessarie per agire nel contesto forense in ambito pubblico e privato (Tribunali civili penali e minorili, servizi sociali territoriali, Istituti di Pena, studi legali, strutture del privato sociale). In particolare: per i professionisti e i laureati nelle discipline bio-psico-sociali e criminologiche rappresenta la base formativa necessaria per svolgere attività peritale e consulenziale, progetti educativi e trattamentali, di mediazione familiare e di prevenzione e di tutela dell’infanzia; per gli avvocati e i laureati in giurisprudenza è un’occasione per migliorare e affinare le tecniche di comunicazione efficace e persuasiva e per comprendere come i contenuti delle scienze psicosociali possano agevolare e supportare il lavoro professionale legale per una difesa efficace e volta a garantire l’interesse dei propri assistiti.

La didattica, coordinata dal prof. Gulotta, è svolta da docenti universitari e consulenti di comprovata esperienza; è previsto anche l’intervento del giornalista Pablo Trincia, il quale presenterà l’inchiesta “Veleno”. L’Ordine degli Avvocati di Milano ha riconosciuto n. 6 crediti formativi a modulo – in quanto è possibile iscriversi anche ai singoli fine settimana - per i giuristi. Per le professioni sanitarie, invece, il rilascio degli ECM avverrà solo previo raggiungimento del numero minimo di richieste da parte dei partecipanti. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione a coloro che avranno partecipato ad almeno l’80% delle ore di formazione in aula e avranno redatto una tesina.

Come sempre per maggiori informazioni potete consultare il sito della fondazione www.fondazionegulotta.net.


studio legale associato gulotta varischi pino
fondazione gulotta
Avv. Prof. Guglielmo Gulotta